COMUNICATO STAMPA

 COMPLIANCE FISCALE E LETTERE AGENZIA DELLE ENTRATE

È CAOS TOTALE, “AVANTI COSÌ” NON È PIÙ SOSTENIBILE

Roma, 11 ottobre 2023

L’articolo odierno pubblicato su Italia Oggi a firma di Giuliano Mandolesi meglio non poteva descrivere la nuova tempesta che si è abbattuta sui contribuenti italiani, questa volta alle prese con le segnalazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate di presunte incongruenze riguardanti gli incassi Pos e i dati di fatture e scontrini trasmessi telematicamente all’Agenzia delle Entrate.

“Anche alla nostra Associazione” spiega Marco Cuchel Presidente dell’ANC “giungono numerose segnalazioni di commercialisti da ogni parte d’Italia sulle lettere che l’Agenzia sta inviando ai titolari di attività economiche per anomalie che si sostanziano in evidenti errori nella gestione dei dati telematici, con le stesse transazioni considerate due o anche tre volte, oppure con l’attribuzione di importi del tutto incomprensibili rispetto all’entità effettiva degli incassi.

“Non sappiamo se l’errore di fondo sia attribuibile agli istituti di credito e agli altri intermediari finanziari oppure all’Agenzia delle Entrate, certo è che la situazione” afferma il Presidente Cuchel “è oramai insostenibile, con contribuenti disorientati e preoccupati, e con i commercialisti chiamati a gestire le comunicazioni, sostenendo un aggravio di lavoro per ricostruire una mole di dati non indifferente, e sperare di riuscire presso gli uffici dell’Amministrazione Finanziaria a risolvere la pratica”.

“Questa estate, alla notizia dell’avvio da parte dell’Agenzia delle Entrate di controlli incrociati automatizzati contro l’evasione” afferma Cuchelavevamo espresso forte preoccupazione nei riguardi di controlli basati esclusivamente su algoritmi senza un’analisi preventiva accurata dei dati ai fini dell’attività accertativa. Considerata la situazione alla quale assistiamo, la preoccupazione espressa purtroppo si è dimostrata pienamente fondata.

Se ciò che accade oggi è il prezzo della sperimentazione del nuovo sistema di controlli da parte dell’Amministrazione Finanziaria, questo costo non può essere scaricato su cittadini, imprese e professionisti.

Avvisi di irregolarità per pagamenti posticipati causa Covid, lettere di compliance per i forfettari, pignoramenti per cartelle esattoriali anche se oggetto di rottamazione, adesso anche le segnalazioni di anomalie sugli incassi Pos, domani chissà quale altra amara sorpresa il sistema fisco saprà riservare a contribuenti e professionisti.

La gravità della situazione è insostenibile, per questo motivo l’ANC rivolge al Governo un appello urgente ad intervenire per scongiurare il rischio tangibile di un sistema fuori controllo, sull’orlo dell’implosione.

ANC Comunicazione

CS 11.10.2023 _Compliance Pos

Condividi l'articolo sui social