La revoca delle lettere d’intento: adempimenti dell’esportatore abituale

L’esportatore abituale che non intenda più avvalersi della facoltà di acquistare beni/servizi senza Iva può revocare la dichiarazione d’intento, senza che sia previsto a tal fine un modello specifico e un obbligo di comunicazione all’Agenzia delle Entrate.
Di conseguenza il cedente/prestatore dovrà emettere fattura con addebito dell’Iva.

L’articolo La revoca delle lettere d’intento: adempimenti dell’esportatore abituale sembra essere il primo su Commercialista Telematico | Aggiornarsi, risolvere, crescere.