L’articolo 1, c. 121 della Legge n. 234/2021 (Legge di Bilancio 2022) dispone, per i periodi di paga dal 1° Gennaio 2022 al 31 Dicembre 2022, una riduzione dell’aliquota contributiva nella misura di 0,8 punti percentuali per i lavoratori dipendenti con una retribuzione imponibile previdenziale mensile non superiore a 2.692,00 euro.

Art. 1, c. 121, Legge 234/2021 (Legge di Bilancio 2022)

“In via eccezionale, per i periodi di paga dal 1° Gennaio 2022 al 31 Dicembre 2022, per i rapporti di lavoro dipendente, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico, è riconosciuto un esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 0,8 punti percentuali a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di Dicembre, del rateo di tredicesima. Tenuto conto dell’eccezionalità della misura di cui al primo periodo, resta ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.”

L’INPS con la Circolare n. 43 in data 22 Marzo 2022 fornisce le prime indicazioni normative ed operative per consentire ai datori di lavoro l’applicazione dello sgravio in parola.

CLICCA QUI PER CONTINUARE LA LETTURA DELL’ARTICOLO

A cura del Dott. Roberto Vinciarelli – Consulente del lavoro e Analista normativo

 

Condividi l'articolo sui social