Entro lunedì 30 settembre, i contribuenti persone fisiche che non vogliono effettuare alcun versamento a titolo di 2ª o unica rata di acconto IRPEF e cedolare secca o effettuare un versamento inferiore rispetto a quello dovuto, devono comunicarlo al datore di lavoro
Condividi l'articolo sui social