Lo stato delle scritture – tale per cui risulti impossibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari – non è sufficiente per desumere l’esistenza dell’elemento soggettivo della bancarotta fraudolenta documentale.
Condividi l'articolo sui social