L’IVA assolta dal soggetto passivo residente con l’inversione contabile applicata alle fatture relative a spese per servizi infragruppo resi da soggetti esteri è detraibile anche quando siano contestati l’incongruenza o il comportamento antieconomico dell’impresa residente.
Condividi l'articolo sui social