In caso di trust, solo una volta che si realizzerà l’effetto traslativo si potranno individuare con precisione gli effettivi beneficiari, così determinando l’aliquota in concreto applicabile in sede di tassazione indiretta. Ciò non esclude che, in alcune fattispecie, sia possibile valutare, sin da subito, se il disponente abbia avuto la volontà effettiva di realizzare, sia pure per il tramite del trustee, un trasferimento dei diritti in favore di terzo, con la conseguente applicabilità immediata dell’aliquota di volta in volta prevista. Il vincolo di destinazione non assume, tuttavia, un rilievo autonomo ai fini della segregazione del bene, se, come per esempio nel caso del trust autodichiarato, rimane nel patrimonio del disponente.

L’articolo Vincolo di segregazione e presupposto impositivo in caso di TRUST sembra essere il primo su Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditate..

Condividi l'articolo sui social